I Bambini s’Incontrano sulla spiaggia di mondi sconfinati – Rabindranath Tagore

I Bambini s’Incontrano sulla spiaggia di mondi sconfinati – Rabindranath Tagore

Poesie Famiglia
I bambini s'incontrano sulla spiaggia di mondi sconfinati: questa celebre poesia del pensatore indiano Rabindranath Tagore, è tratta dal libro: Offerta di canti: Gitanjali. I bambini s'incontrano sulla spiaggia di mondi sconfinati Lassù il cielo infinito è immobile e l’instancabile acqua è agitata. I bambini s'incontrano con grida e danze sulla spiaggia di mondi sconfinati. Costruiscono castelli di sabbia e giocano con conchiglie vuote. Con foglie secche intrecciano le loro barche e sorridendo le fanno galleggiare nell’immenso mare. I bambini giocano sulla spiaggia dei mondi. Non sanno nuotare, non sanno gettare le reti. I pescatori di perle si tuffano per cercare le perle, i mercanti navigano sulle loro navi, mentre i bambini raccolgono sassolini e li sparpagliano di nuovo Non cercano tesori nascosti, non sanno gettare le reti. Il mare…
Read More
I Bambini Imparano Ciò che Vivono – Dorothy Law Nolte

I Bambini Imparano Ciò che Vivono – Dorothy Law Nolte

Poesie Famiglia
I bambini imparano ciò che vivono, una poesia scritta da Dorothy Law Nolte, insegnante, pedagogista e consulente familiare che è riuscita a condensare in versi ciò che i bambini imparano in base al contesto in cui vivono, che influenza e forgia il loro carattere. Se un bambino vive con le critiche, impara a condannare. Se un bambino vive con l'ostilità, impara ad aggredire. Se un bambino vive con il timore, impara ad essere apprensivo. Se un bambino vive con la pietà, impara a commiserarsi. Se un bambino vive con lo scherno, impara ad essere timido. Se un bambino vive con la gelosia, impara cos'è l'invidia. Se un bambino vive con la vergogna, impara a sentirsi in colpa. Se un bambino vive con l'incoraggiamento, impara ad essere sicuro di sé. Se…
Read More
L’Inizio – Rabindranath Tagore

L’Inizio – Rabindranath Tagore

Poesie Famiglia
L'Inizio è una poesia dedicata alle mamme, piena di emozionanti metafore e simbolismi, scritta dall'indimenticabile poeta e mistico indiano Rabindranath Tagore. "Da dove sono venuto, dove mi hai raccolto?" domandò il neonato a sua madre. A metà tra il pianto e il riso, stringendo il bimbo al petto, lei rispose: "Tu eri nascosto nel mio cuore, eri il suo desiderio, tesoro mio. Eri nelle bambole dei miei giochi d'infanzia; e quando ogni mattina attraverso l'argilla modellavo l'immagine del mio Dio, io modellavo la tua immagine non ancora formata. Tu eri custodito insieme alla divinità del nostro focolare; adorandola, adoravo te. In tutte le mie speranze e in tutti i miei amori, nella mia vita, nella vita di mia madre sei tu che hai vissuto. Nelle mani dello Spirito immortale che…
Read More